Auto GP - Lo sport dei motori in rete - Formula Uno - Formula 3000 - Formula 3 - Turismo - Dtm - Salite Advertisign - Banner 468x60
GRAN TURISMO TURISMO MONOMARCA CRONOSCALATE
Contatti | Newsletter | Appuntamenti | AutodromiScuole PilotaggioRegolamentiTecnicaInfo Scuderie
ADV
 Cronoscalate

 :: In Evidenza
 :: Classifiche
 :: Notizie
 :: Calendario
 :: Fotografie

 






 

 
  » NEWS


Abramo Antonicelli

CIVM - Selva di Fasano
Faggioli e l'Osella su tutti

Vittoria con record per il fiorentino con la FA 30 Zytek nel giorno del suo compleanno all´ottava prova del Campionato Italiano Velocità Montagna. Sul podio l´esperto Nappi su Osella, Scaramozzino su Lola e l´indomabile Merli su Picchio nel tricolore. Magliona su Osella in Gruppo CN, Isolani e la Ferrari in GT, Giuliani su Lancia in E1, ancora Bicciato e la Mitsubishi in A, Buiatti su Honda al fotofinish in N e in Racing Start pieno di punti per Marchesani su Fiat 500.
Alla 54^ Coppa Selva di Fasano, ottava prova del Campionato Italiano Velocità Montagna organizzata dalla Egnathia Corse, vittoria del fiorentino Simone Faggioli che al volante dell'Osella FA 30 Zytek di gruppo E2/M ha percorso per due volte i 5,6 km di impegnativo tracciato in un tempo complessivo di 4´16"03 ed un miglior tempo di salita 2'06"89, battendo il suo precedente record del 2009. Il sei volte tricolore nel giorno del suo compleanno, ha rafforzato la leadership con la settima vittoria consecutiva nel tricolore della Commissione Sportiva Automobilistica dell´Automobile club d´Italia. La gara si è svolta in una bella e ventilata giornata di sole, una folla di pubblico ha seguito l´intero fine settimana dell´appuntamento fasanese con la massima serie tricolore delle salite. -"Fasano è un tracciato particolarmente impegnativo - ha spiegato Faggioli al traguardo - in prova abbiamo modificato alcune regolazioni dopo aver preso anche qualche rischio. In gara ero consapevole delle impegnative condizioni dell´asfalto, ho solo cercato di interpretare il percorso senza imperfezioni"-. Il Campione ha dedicato la sua vittoria a Georg Pasa. Con soli 9"39 di distacco dal leader eccellente gara per il sempre brillante napoletano Piero Nappi anche lui al volante di una Osella FA 30 Zytek, molto determinato sin dalle manche di prova, trovando immediatamente una buona intesa con il prototipo monoposto. Il partenopeo è stato autore di un´impresa d´altri tempi quando a meno di un chilometro dall´arrivo ha danneggiato la ruota anteriore destra, tagliando il traguardo su tre ruote e con un distacco limitato. Terzo sul podio di gara il rimontante calabrese Carmelo Saramozzino che ha portato l´affondo nella seconda salita con la sua Lola Zytek ´02. A ridosso del podio di gara ma terzo tra gli iscritti al C.I.V.M., il trentino Christian Merli che ha pagato una scelta d'assetto azzardata per la sua Picchio P4 con motore turbo nella prima salita, poi nella seconda, è stato tradito in prossimità del traguardo da un problema d´alimentazione. L´alfiere Vimotorsport rimane comunque con al comando del gruppo E2/B e secondo in classifica assoluta di campionato. Ottima quinta piazza per il pilota di casa Francesco Leogrande, all´esordio con la potente Osella PA 30 Zytek. Sesto tempo per l´agrigentino Luigi Bruccoleri su Osella PA 27 BMW, che ha preceduto il conterraneo trapanese Vincenzo Conticelli in netta crescita al volante dell´Osella PA 30 Zytek sulla quale si è aperto il tappo del liquido di raffreddamento in gara 1. Ottavo posto e brillante prestazione per il vincitore di gruppo CN Omar Magliona, il sardo che con l´Osella del Team Faggioli ha aggiustato il tiro dopo la prima salita andando a battere Rosario Iaquinta per soli 9 centesimi di secondo. Il calabrese che ha guidato in modo accorto la sua Osella PA 21/S Honda soprattutto nella parte di percorso resa più impegnativa dalle perdite d'olio di alcuni concorrenti. Decima posizione per il giovane siciliano Francesco Conticelli al volante della Osella PA 21/S, che ha dimostrato una buona crescita sportiva, visti i contenuti distacchi dagli avversari di gruppo. Gara sfortunata per l'attore Ettore Bassi, uscito di strada nella prima salita nel tratto iniziale del tracciato con la sua Osella PA 21/S Honda. Con il 14° tempo assoluto ha vinto il gruppo GT Leo Isolani dopo le attente regolazioni seguite alle prove sulla sua Ferrari 575, con la quale ha interpretato in modo molto redditizio il tracciato, precedendo in gruppo il veneto Antonio Forato non contento del lavoro dell'assetto della sua Lamborghini Gallardo GT Cup. Classifica di gruppo comunque sub iudice per un reclamo sporto da Forato nei confronti di Isolani. Sul podio di gruppo la sempre crescente Lotus 2 Eleven del preparatore salernitano di Brescia Francesco Abate, molto soddisfatto dello sviluppo della sua super car scoperta. In gruppo E1 tutto stravolto tra gara 1 e gara 2. Nella prima salita con un tempo di 2'35"42 il napoletano Luigi Sambuco si è portato in testa, precedendo il teramano Roberto di Giuseppe su Alfa 155 GTA, ed il bolognese Fulvio Giuliani, su lancia Delta EVO. Nella seconda, situazione stravolta dall´attacco con vittoria di Giuliani, seguito dal rimontante Di Giuseppe. Solo terzo alla fine Sambuco, rallentato da un´improvvisa crisi d´assetto della sua Alfa 155. Costretto alla resa da un'uscita di strada il leader tricolore del gruppo, il fiorentino Fabrizio Pandolfi su Alfa 155 V6. Tra le Seat Ibiza Cup affidate ai VIP, successo indiscusso per l´esperto figlio d´arte Ivan Pezzolla, ma tra i personaggi della TV la confidenza con le gare in pista ha aiutato il simpatico e competente Gimmy Ghione. In gruppo A Rudi Bicciato non poteva chiedere di più e di meglio alla sua Mitsubishi Lancer EVO con la quale ha fermato il cronometro su 5'11"52, centrando la sua meritata ottava vittoria e precedendo il Campano Sandro Acunzo, soddisfatto della sua gara al volante della MItsubishi Lancer, dopo il testacoda in prova ed un´imperfezione in gara 2. Terzo di gruppo il catanese Salvo D'Amico che ha ritrovato il giusto smalto per chiedere molto alla sua Renault New Clio, con la quale ha preceduto il primo di classe 1600, il lucano Nunzio Volini su Peugeot 106 1.6 16V. Vittoria al fotofinish in gruppo N per l´arrembante friulano Michele Buiatti, in forma smagliante al volante della Honda Civic Type-R, con la quale è riuscito a precedere sul finale il salernitano Giovanni Del Prete, che dopo le prove ha accusato un calo di rendimento della sua Mitsubishi Lancer, pur vincendo con fatica la prima gara. Poi la deconcentrazione dovuta ad una doppia partenza ha limitato il campano. Terzo sul podio di gruppo per il C.I.V.M. il locale Oronzo Montanaro che ha dovuto soffrire nella gara di casa dopo un compromettente testacoda al volante della Honda Civic Type-R, con la quale ha dovuto cedere il passo nella classifica della corsa alla gemella del corregionale Michele Calabretto. Il giovane salernitano Cosimo Rea si è imposto in classe 1600 con la sua Citroen Saxo, guadagnando punti preziosi per la classifica under, precedendo in classe il corregionale Marco Aiello su Peugeot ed il piemontese leader di classe Giovanni Regis anche lui su Peugeot 106 1.6 1V, secondo ai fini del C.I.V.M. In gruppo Racing Start è stato l´abruzzese Andrea Marchesani a fare il pieno di punti in C.I.V.M., al pilota di Chieti è bastato condurre due salite costanti e tagliare il traguardo per centrare l´obiettivo con la sua Fiat 500 con i comandi adattati. Successo di gruppo in gara per il preparatore salernitano di Brescia Maurizio Abate su Renault Clio RS.

ReSa - 24 luglio 2011 - Content by www.acisportitalia.it


Ettore Bassi

CIVM - 54° Monte Erice
Vittoria di Simone Faggioli su Osella

Il fuoriclasse toscano della Best Lap si aggiudica la cronoscalata organizzata dall´ACI Trapani, secondo round della serie Tricolore CSAI, in un finale sotto la pioggia. Franco Cinelli, con la Lola T99/50 Etruria è secondo assoluto davanti a Fabrizio Pandolfi, terzo con l´Alfa Romeo 155 V6 Ti Etruria e primo della E1 Italia. Roberto Chiavaroli si aggiudica la gara del Gruppo GT con la Ferrari 430 Best Lap, Rudi Bicciato la sfida siciliana per il Gruppo A. In Gruppo N affermazione di Lino Vardanega con la Mitsubishi Lancer Rubicone Corse. Paolo Mancini si aggiudica la gara della Racing Start con la Renault Clio Rs. Christian Merli si aggiudica la E2B con la Picchio P4 Vimotorsport e mantiene la leadership di campionato assoluta.
E´ un improvviso scroscio d´acqua a rendere incandescente il finale della 54.esima edizione della Monte Erice. La pioggia caduta a metà dello svolgimento della seconda e conclusiva manche della gara ericina, ha reso incerto il risultato della competizione che, in quel momento, vedeva al vertice assoluto Fabrizio Pandolfi. L´attesa si è protratta sino a quando non è smesso di piovere, permettendo a Simone Faggioli di affrontare con gomme da bagnato i 5700 metri del tracciato e risultare ancora una volta il più rapido e vincere la gara, dopo essersi aggiudicato la prima manche con il tempo record di 2´57"248.
Alle sue spalle è gran secondo uno dei più temerari piloti e grande esperto quale Franco Cinelli che, con la Lola Formula 3000 ha fatto sua la seconda posizione. Terzo a completare un podio tutto toscano, si è piazzato Pandolfi, salito con strada parzialmente asciutta, che con la Alfa 155 V6 Ti si aggiudica la vittoria in Gruppo E1 Italia. Il toscano ha centrato la affermazione sul filo di lana davanti a Fulvio Giuliani, secondo con la Lancia Delta Evo per sette decimi di secondo. Al terzo posto di Gruppo ha chiuso un poco incisivo Roberto Di Giuseppe, con problemi di elettronica alla sua Alfa 155 GTa. Giuliani risulta quarto nella classifica assoluta di gara, mentre quinto è lo stesso Di Giuseppe.
Sesto della graduatoria finale di gara risulta il bolzanino Rudi Bicciato, gran primo del Gruppo A con la Mitsubishi Lancer della Mendola, battendo per 16 secondi il portacolori della Global Rally R Sandro Acunzo, anch´egli con un integrale giapponese. Quarto e primo di classe 1600 è Giuseppe D´Angelo, Peugeot 1600, precedendo D´Angelo e Tinella.
Scorrendo le posizioni della classifica assoluta troviamo al tredicesimo posto assoluto il trevigiano Lino Vardanega, su Mitsubishi Lancer Rubicone Corse, che ha regolato al traguardo Achille Lombardi, Honda Civic Type R e primo della sua classe. Terzo sul podio è Umberto Lunardi. Quarto di gruppo ma terzo tra gli iscritti alla serie tricolore è Giuseppe Corona con la Honda della Puntese Corse. Il torinese Giovanni Regis torna a casa con il massimo dei punteggi nazionali della classe 1600, nella quale è giunto buon secondo di classe dietro a Ficara. E´ però stato un fine settimana sfortunato quello vissuto da Giovanni del Prete, protagonista di uno stop nella prima salita per l´uscita di strada di un concorrente lo precedeva nelle partenze, alla quale ha cercato di porre rimedio con il secondo tempo realizzato nella salita successiva, ma insufficiente a risalire in classifica.
Diciottesimo assoluto, ma vincitore della gara tra le vetture GT è il pescarese Roberto Chiavaroli. Il pilota Best Lap, con la Ferrari 430 ha duellato con il bresciano, d´origini campane, Francesco Abate che con la Lotus 2 Eleven nei colori BL Racing ha agguantato la seconda piazza con 8"585 in difficoltà con la resa delle gomme. Terzo posto di Gruppo per il toscano Guido Sgheri al volante della Porsche 996 Pistoia Corse.
In vera difficoltà sotto l´acqua è Omar Magliona ad aggiudicarsi il massimo dei punteggi tricolori del Gruppo CN al volante della Osella PA 21 CN2, piazzandosi al secondo posto in gara dietro al locale Salvatore Candela con la Osella PA 21 J CN1600, favorito dall´essere salito su di un tracciato più asciutto. Terzo di Gruppo si è piazzato il giovane Francesco Conticelli, con la Osella PA 21. Vincitore della prima manche il siciliano Rocco Aiuto non è poi partito nella successiva, perdendo così la prima posizione con la Osella PA 20 della Puntese Corse.
Trentaquattresima posizione assoluta per il leader di campionato Christian Merli, secondo nella prima salita ma oltre la trentesima posizione nella successiva sotto la pioggia e in difficoltà con le gomme da bagnato.

ReSa - 15 maggio 2011 - Content by www.acisportitalia.it

CIVM - 39° Pieve Santo Stefano Passo dello Spino
Successo di Merli sulla P4 turbo

Christian Merli su Picchio P4 di gruppo E2/B ha vinto la 39^ Pieve Santo Stefano Passo dello Spino, la gara toscana curata dall´efficiente Pro Spino, che ha aperto il Campionato Italiano Velocità Montagna 2011, la fervente serie tricolore organizzata dalla Commissione Sportiva Automobilistica dell´Automobile Club d´Italia. La corsa si è svolta sotto un minaccioso cielo coperto ma su fondo asciutto. Sul podio della prima stagionale di C.I.V.M. è salito anche il napoletano Piero Nappi che si è aggiudicato il successo nel gruppo E2/M al volante della Osella FA 30 Zytek, seguito dal sempre combattivo pistoiese Franco Cinelli su Lola B99/50 Zytek.
Il podio della gara aretina ed anche della classifica assoluta di Campionato si è delineato sin dalla prima salita di gara, quando il trentino della Vimotorsport ha fatto segnare l´ineguagliabile tempo di 2´39"57 sui 6 Km dell´impegnativo e vario tracciato, con il napoletano della Best Lap non contento del rendimento del propulsore ed il toscano della Scuderia Etruria che a fatica ha domato i cavalli della monoposto di F.3000 dopo alcuni mesi di inattività.
-"Sono davvero contento di aver iniziato la stagione con un successo - ha dichiarato Merli - è una grande soddisfazione aver constatato che il lavoro di aggiornamento svolto alla meccanica ed all´aerodinamica dalla casa madre e da Tschager Motorsport, è stato efficace"-. -"In prova avevo montato delle gomme troppo dure per il tracciato - ha spiegato Nappi - in gara invece, il motore è risultato eccessivamente ricco nell´alimentazione ed il suo rendimento non è stato ottimale"-. -"Ho faticato molto - sono state la parole di Cinelli - ho accusato molto i mesi di inattività, bisogna riprendere i giusti ritmi. Ma il risultato va benissimo"-.
Quarta posizione in gara per il sempre arrembante eugubino Andrea Picchi al volante della Lola Alfa Romeo, prontamente ripristinata dopo l´uscita di strada in prova. Quinta piazza assoluta ed un ottimo successo di gruppo CN per il rientrante calabrese di Castrovillari Rosario Iaquinta che si è immediatamente trovato a suo agio di nuovo al volante dell´Osella PA 21/S Honda curata dalla Catapano Corse con la quale ha duellato con il sardo campione di gruppo in carica Omar Magliona su vettura gemella, autore di qualche sbavatura nella prima salita, poi migliore nella seconda e settimo assoluto alla fine, alle spalle del calabrese Scaramozzino su Lola F.3000. Ottavo nell´assoluta e primo di classe 2000 tra le monoposto il giovane siciliano Samuele Cassibba con la Tatuus F. Master risultata un po´ ballerina sul posteriore nella prima salita, che ha preceduto nella classe Adolfo Bottura su vettura gemella. A completare la top ten due siciliani Vincenzo Conticelli al debutto su Osella PA 30 e Giovanni Cassibba sulla versione PA 20 dell´Osella. Ottimo esordio in gruppo CN per il giovane salernitano Angelo Marino, under 25 2010, terzo nella classifica di C.I.V.M. di gruppo al volante dell´esordiente Ligier JS 49 Honda, scavalcato nella seconda salita dall´Osella PA 21 del fiorentino Stefano Peroni.
In gruppo GT buona la prima per l´anconetano Leo Isolani, leader dell´omonimo team e protagonista sin dalle prove con la sempre ammirata e potente Ferrari 575 GT1, sulla quale si sono rivelate molto efficaci le nuove gomme. Alle spalle del vincitore il campione 2010 di gruppo N Roberto Chiavaroli, il pescarese immediatamente protagonista al debutto con la Ferrari F430 Gt Cup. Terzo il trevigiano campione in carica GT, Antonio Forato ha accusato un po´ di sottosterzo sulla Lamborghini Gallardo GT Cup, a trazione posteriore come stabilito con il regolamento GT, un testacoda nella seconda salita lo ha privato del secondo posto. Primi punti utili a ridosso del podio di gruppo per il reggiano "Ragastass" sempre più a suo agio in salita sulla Ferrari F430. Positivo l´esordio della Lotus 2Eleven della PB Racing affidata al bresciano Francesco Abate, terzo tra le GTCup, che ha molto apprezzato l´agilità della vettura scoperta, dopo qualche problema di gioventù alla 1^ e 2^ marcia in prova. Il duello per il gruppo E1 si è deciso per un secondo e mezzo a favore di Roberto Di Giuseppe, il teramano Campione in carica che ha guidato la sua Alfa 155 GTA di nuovo al massimo della forma dopo la toccata in prova per un guasto allo sterzo, che ha sopravanzato il bolognese Fulvio Giuliani vincitore della prima salita, ma limitato da un problema alla trasmissione sulla Lancia Delta EVO dell´AB Motorsport. Terzo sul podio il fiorentino della Giglio Racing Fabrizio Pandolfi a cui è costato caro un calo di batteria sull´Afa 155 V6 allo start della prima salita. In classe 2000 successo per il calabrese Natale Stabile su Alfa 147 Cup. Nelle altre due classi, Senesi primo tra le 1600 ed il reatino Emiliano Di Muzio in classe 1400 su Peugeot 106 Rallye. Rientro in gruppo A con primo successo per l´altoatesino Rudi Bicciato su Mitsubishi Lancer, il pilota della Scuderia Mendola ha dominato entrambe le salite di gara precedendo sul traguardo il campano Sandro Acunzo anche lui sulla Lancer dei tre diamanti, autore di un testacoda nella seconda salita di gara. Sfortunato l´abruzzese Gabri Spacco che si è girato nella prima salita con la sua Lancer. Terzo sul podio e primo di classe 2000 il reatino Sandro Giobbi molto agile sull´Alfa 156, mentre il detentore della coppa di classe 2010 Ferdinando Cimarelli è riuscito a conquistare il secondo posto di categoria grazie ad una seconda salita in attacco al volante dell´Alfa 147 Cup. Il triestino Paolo Parlato ha festeggiato con il secondo posto in C.I.V.M. tra le 2000 e 4° nell´assoluta, su Honda Civic, i suoi 40 anni di carriera sportiva, iniziati proprio allo Spino del ´71. In classe 1600 il salernitano portacolori Puntese corse Giuseppe D´Angelo ha inaugurato con il primato il suo rientro in C.I.V.M. sulla Pyuegeot 106 1.6 16V.
Lino Vardanega ha siglato con la vittoria di gruppo N il suo rientro nella serie tricolore, l´inossidabile trevigiano della Rubicone Corse si è imposto al volante della Mitsubsishi Lancer EVO X alla fine dell´avvincente sfida con il trentino Maurizio Pioner su vettura gemella limitato da un concorrente raggiunto nella prima salita e poi con lo sfortunato vincitore della prima salita di gara Giovanni Del Prete, il salernitano fermato da un problema elettronico alla sua Lancer allo start della seconda gara. Il friulano Michele Buiatti ha inaugurato il 2011 con un successo in classe 2000 ed il terzo posto di gruppo, alla fine di un appassionate duello con il potentino Achille Lombardi, finito con un distacco di soli 21 decimi tra le due Honda Civic Type-R. In classe 1600 successo nella prima salita per il pescarese Giordano Di Stilio su Peugeot 106, ma il trentino Diego De Gasperi con il successo nella 2^ al volante della Honda Civic, è riuscito ad avere la meglio in classifica. Primi punti utili al neo nato titolo C.I.V.M. di gruppo Racing Start per il bergamasco Mario Tacchini su Fiat Punto Sporting.

01 maggio 2011 - Content by www.acisportitalia.it



Classifica dei primi 10: 1. Christian Merli (Picchio P4) in 5´18"53; 2. Nappi (Osella FA 30 Zytek) a 9"38; 3. Cinelli (Lola B99/50) a 17"53; 4. Picchi (Lola Alfa Romeo) a 20"82; 5. Iaquinat (Osella PA 21/S Honda) a 20"98; 6. Scaramozzino (Lola Zytek ´02) a 21"58; 7. Magliona (Osella PA 21/S Honda) a 21"97; 8. Cassibba S. (Tatuus F. Master) a 26"26; 9. Conticelli V. (Osella PA 30 Zytek) a 30"07; 10. Cassibba G. (Osella PA 20/S BMW) a 31"11.
Classifica di gruppo in gara: Gruppo E2/M: 1. Piero Nappi (Osella FA 30 Zytek) in 5´27"91; 2. Cinelli (Lola B99/50 Zytek) a 8"15; 3. Picchi (Lola Alfa Romeo) a 11"44; 4. Scaramozzino (Lola Zytek 02) a 12"20; 5. Cassibba S. (Tatuus F.Master) a 16"88. Gruppo E2/B: 1. Christian Merli (Picchio P4) in 5´18"53; 2. Conticelli V. (Osella PA 30 ZYtek) a 30"07; 3. Cassibba G. (Osella PA 20/S BMW) a 31"11; 4. Sambuco (Osella PA 21/S Honda) a 35"55; 5. Berardi (Osella PA 20/S BMW) a 49"51. Gruppo CN: 1. Rosario Iaquinta (Osella PA 21/S Honda) in 5´39"51; 2. Magliona (Osella PA 21/S Honda) a 0"99; 3. Peroni S. (Osella PA 21/S Honda) a 10"93; 4. Marino (Osella PA 21/S Honda) a 14"56; 5. Conticelli F. (Osella PA 21/S Honda) a 20"64. Gruppo GT: 1. Leo Isolani (Ferrari 575) in 6´10"55; 2. Chiavaroli (Ferrari F430) a 18"24; 3. Forato (Lamborghini Gallardo) a 23"52; 4. "Ragastass" (Ferrari F430) a 24"27; 5. Abate F. (Lotus 2Eleven) a 24"57. Gruppo E1: 1. Roberto Di Giuseppe (Alfa 155 GTA) in 6´11"38; 2. Giuliani (Lancia Delta EVO) a 1"31; 3. Pandolfi (Alfa 155 V6) a 3"18; 4. Stabile (Alfa 147 Cup) a 22"79; 5. Sbrollini (Lancia Delta EVO) a 23"11. Gruppo A: 1. Rudi Bicciato (Mitsubishi Lancer EVO) in 6´27"14; 2. Acunzo (Mitsubishi Lancer EVO) a 13"41; 3. Giobbi (Alfa 156) a 15"49; 4. Cimarelli (Alfa 147 Cup) a 16"45; 5. Boninsegni (Abarth Grande Punto) a 18"04. Gruppo N: Lino Vardanega (Mitsubishi Lancer EVO X); 2. Pioner (Mitsubishi Lancer EVO) a 5"09; 3. Buiatti (Honda Civic Type-R) a 14"61; 4. Lombardi (Honda Civic Type-R) a 14"82; 5. Malizia (Honda Civic Type-R) a 25"46. Gruppo Racing Start: 1. Paolo Mancini ( Renault Clio RS) in 7´37"64; 2. Tacchini (Fiat Punto Sporting) a 49"48.
Classifica assoluta C.I.V.M.: 1. Christian Merli, p. 16; 2. Nappi, 12; 3. Cinelli, 10; 4. Iaquinta e Magliona, 7;
Classifica di gruppo C.I.V.M.: Gruppo E2/M: 1. Nappi, p. 15; 2. Cinelli, 12; 3. Bottura, 10; Gruppo E2/B: 1. Merli, 15; 2. Rubino, 12. Gruppo CN: 1. Iaquinta e Magliona, 13, 5; 3. Marino, 10. Gruppo GT: 1. Isolani, 15; 2. Chiavaroli, 11; 3. Forato, 8. Gruppo E1: 1. Di Giuseppe, 13,5; 2. Giuliani, 12,5; 3. Pandolfi, 11. Gruppo A: 1. Bicciato, 15; 2. Acunzo, 12; 3. Cimarelli, 10. Gruppo N: 1. Vardanega, 12,5; 2. Pioner, 12; 3. Buiatti, 9. Racing Start: 1. Tacchini, 15.

 




Clicca qui
 

 -


Advertisign - Banner 120x600
 
Tutto il materiale in questo sito è © 2011 Auto GP - E' vietata la riproduzione anche parziale
Segnala il portale | Inserisci nei preferiti | In prima pagina

  Auto GP